fbpx

macOS Catalina. La versione beta

  • macOS Catalina. La versione beta

È stata rilasciata la prima versione beta pubblica della piattaforma macOS Catalina. La versione finale sarà disponibile in autunno ma per i più curiosi che vogliono scoprire in anteprima le novità possono scaricarla e installarla. Ma assicuratevi di avere un dispositivo compatibile!

Vi raccontiamo alcune delle novità più significative di Catalina. Per tutti i dettagli vi consigliamo di visitare il sito Apple

Addio a iTunes

Catalina_News

iTunes che ha accompagnato gli utenti apple per anni sarà sostituito da Apple Music, Podcasts e TV ognuno dei quali sarà dedicato ad una specifica funzione multimediale. Nessun problema per i contenuti che avevate raccolto nel tempo, saranno tutti accessibile nelle nuove app.

Sidecar

Catalina_Sidecar

Consente di estendere l’area di lavoro utilizzando l’iPad come un secondo display Mac. In questo modo sarà possibile duplicare la schermata, ma anche portare le potenzialità di Apple Pencil sul proprio Mac, ad esempio visualizzare una grafica su Mac mentre si sta lavorando su di essa con l’iPad oppure utilizzando Apple Pencil per attività quotidiane come contrassegnare, sottolineare o scrivere su screenshot e pdf e poi riportarlo su Mac.

Find My

Catalina_FindMy

 

È la combinazione di Find My iPhone e Find My Friend e sarà facilissima da usare su ogni device. 

Sarà possibile individuare un Mac scomparso, anche se è offline o spento, inviando segnali Bluetooth. È tutto anonimo e criptato in modo tale che nessuno, neanche Apple, conosca l’identità del dispositivo di segnalazione.

Voice Control

Un aiuto concreto per tutti coloro che non possono utilizzare i dispositivi tramite i normali input. Con la loro voce avranno accesso a tutte le funzionalità dei dispositivi: la dettatura è stata migliorata, la scrittura è resa più efficiente e i comandi ampliati permettono di aprire e interagire con le app. Grazie alle etichette numerate è possibile esplorare la app, ma sarà possibile anche selezionare, ingrandire e trascinare.

SAP Cloud Platform SDK per iOS

SAP-and-Apple-App-Developer-Magazine

Pochi giorni fa Apple ha annunciato sul suo portale riservato agli sviluppatori il frutto di una collaborazione con SAP che ha portato alla realizzazione di un SDK dedicato ad iOS per connettere le App con i sistemi enterprise SAP Cloud.

Per la prima volta, tutte le aziende che utilizzano già SAP potranno avere dei client all’avanguardia con i quali controllare i propri dati aziendali ed interagire con i server SAP, unendo la potenza di calcolo dei backend SAP con le tecnologie all’avanguardia dei dispositivi Apple come iPhone, iPad ed Apple Watch.

In più SAP ha creato Fiori for iOS, un’estensione delle Human Interface Guidelines di Apple specificatamente per venire incontro alle esigenze di App gestionali, fornendo anche un serie di nuovi componenti UIKit adatti allo scopo.

Solo in Italia sono circa 4000 le PMI che nell’ultimo anno hanno utilizzato soluzioni SAP per la gestione dei propri processi aziendali (fonte digital4biz: ), aziende che sicuramente potranno beneficiare della libertà di azione fornita dai dispositivi Apple per gestire il proprio business in qualsiasi momento.

Noi di Oimmei siamo già all’opera per studiare il nuovo SDK proposto in modo da poter offrire a tutti i nostri clienti soluzioni native e sopratutto all’avanguardia per accedere ai propri sistemi SAP.

[photo credit: https://appdevelopermagazine.com]

APFS Apple File System

apfs apple file system

Ieri Apple ha rilasciato l’aggiornamento 10.3 per iOS, e milioni di utenti in tutto il mondo hanno aggiornato i propri dispositivi. Molti forse si saranno accorti che questo aggiornamento è stato più lungo del solito, strano anche perché le novità più evidenti sono “Trova i miei AirPods” e una nuova gestione dell’account iCloud nelle Preferenze.

In realtà dietro le quinte l’aggiornamento più importante è stato l’introduzione del nuovo filesystem Apple file system o APFS. Apple aveva annunciato il nuovo APFS allo scorso WWDC, rilasciandolo in versione beta per MacOS, ma nessuno si aspettava di vederlo sui sistemi iOS cosi presto.

Ma cos’è esattamente un file system? Il file system è quella parte del sistema operativo che si occupa di interagire con il disco, quindi scrivere e leggere i dati sul disco, in pratica un buon file system garantisce che le vostre foto siano la sicuro! 😉

Quindi, ovunque ci sia un disco c’è un file system, e tornando a noi questo vuol dire che negli iPhone, negli iPad, negli iPod e negli Apple Watch con l’aggiornamento di ieri Apple ha aggiornato silenziosamente, senza dover formattare i dischi i file system di decine di milioni di dispositivi senza che nessuno si accorto di nulla. Per noi addetti ai lavori è stato fatto qualcosa di quasi impossibile ieri, le nostre più sentite congratulazioni al team Apple che ha lavorato al nuovo file system!

Tourist Angel, la prima App gratuita per il turismo sociale

Abbiamo pubblicato Tourist Angel! L’idea che ci hanno portato Massimiliano e Andrea è ora realtà! La prima App per iPhone per il turismo sociale. Per ora sarà disponibile solo in Italia, ma contiamo di lanciarla all’estero a breve.

Ma cos’è il “turismo sociale”?

È una nuova opportunità di conoscere più a fondo le mete dei nostri viaggi, aiutati dagli abitanti della città che stai visitando, che possono aiutarti ad esempio a trovare eventi, fare shopping, conoscere i luoghi culturali e molto altro!

L’obiettivo principale è quindi quello da una parte di condividere gli eventuali costi di un tour (senza creare profitto) e dall’altra far conoscere la propria città promuovendone l’economia attraverso l’interscambio culturale.

L’App quindi non si vuole sostituire alle guide turistiche ufficiali, anzi, se avrà il successo sperato, Tourist Angel prevederà anche la possibilità di iscriversi come Guida Turistica ufficiale (con tanto di patente) ed offrire veri e propri itinerari ufficiali.

L’idea che l’anno scorso ci è stata proposta da Massimiliano ed Andrea c’è piaciuta da subito, anche perché abbraccia a pieno la nostra idea di rivoluzionare il modo di fare Turismo che già stiamo portando avanti con Europeana Beacon, così in attesa che parta il crowdfunding di Goteo, abbiamo sviluppato e pubblicato quest’App che comunque sarà la prima di molte altre App e servizi dedicati a Turismo, Cultura e Spettacolo.

Per maggiori informazioni http://www.touristangelapp.com

Alla scoperta del back-stage di DressUp

DressUp Outfit app ios

Con questo post vi portiamo alla scoperta del processo di sviluppo di una App. In questo primo post parliamo di DressUp, una delle ultime applicazioni che abbiamo sviluppato come Oimmei per un nostro cliente, Giacomo Parisi.

DressUp

DressUp si pone come scopo quello di avvicinare al mondo della moda e dell’abbigliamento tutti gli utenti che hanno indecisioni quotidiane per capire come vestirsi. Per chi trova difficoltà a individuare i colori. Per chi vuole sfruttare al massimo i propri abiti con combinazioni sempre nuove. Per chi vuole diventare lo Stylist di sé stesso e lanciare la sua moda mediante la condivisione del proprio outfit sui social network. L’utente quindi avrà per la prima volta la possibilità di essere al centro del settore della moda. Questa era l’idea iniziale di Giacomo quando si è presentato da noi. Dopo qualche incontro e qualche analisi l’idea si è trasformata in un primo flusso. schema app

La particolarità principale che abbiamo riscontrato parlando con Giacomo era la possibilità di catturare con la fotocamera le immagini dei propri capi di abbigliamento da poter inserire in un armadio virtuale. Per un’applicazione di questo genere era fondamentale la semplicità di utilizzo da parte dell’utente, soprattutto durante la fase di acquisizione dei capi di abbigliamento, e la creazione dell’outfit volevamo che somigliasse il più possibile alla routine giornaliera di tutti noi, quando alla mattina apriamo i cassetti dell’armadio per decidere cosa indossare. Le scelte quindi sono state abbastanza chiare sin dall’inizio, era necessario aiutare l’utente durante l’acquisizione delle foto degli indumenti, con delle silhouette guida per i vari capi di abbigliamento e avere una classificazione automatica delle foto acquisite per una veloce organizzazione dei cassetti.

scatta1

Una volta in possesso di tutte le informazioni necessarie riguardo all’armadio di un utente, è nata la voglia di tentare qualcosa di “diverso”… far proporre all’App un abbinamento di abiti il più adatto possibile in base ai colori dei singoli vestiti. Giacomo ha così elaborato uno schema di accoppiamento, che alla fine si è trasformato in una funzione davvero eccezionale, la generazione automatica di un outfit confrontando tutti gli abiti presenti nei cassetti virtuali dell’App, senza mai sbagliare un accostamento di colore! Il risultato finale ha richiesto decine di prototipi, test e mesi di sviluppo fino a giungere alla prima versione pubblicata sull’App Store di cui siamo veramente orgogliosi. Questo è lo storyboard finale della Versione 1.0 MapAppDressUp

Queste sono alcune foto dell’App finale.

generaoutfit-dressup

Website: www.dressup-app.com

App Store: DressUP