fbpx

Tirocinio Universitario: Un importatore di opere da Europeana Collections per Muzeums

La conclusione di un’esperienza di studio universitario è sicuramente un momento importante, e io mi sono ritrovato a viverla qui. Sono Andrea Cioni, apprendista sviluppatore di Oimmei, e sono entrato in azienda facendo un tirocinio che faceva parte del mio percorso di Laurea triennale in Informatica, titolo che ho conseguito a Pisa lo scorso 3 marzo. Si è trattato della mia primissima esperienza lavorativa nell’ambito dello sviluppo informatico, e adesso, a qualche mese di distanza, la racconterò brevemente per il blog.

Durante il tirocinio ho lavorato sul progetto Muzeums, già più volte menzionato su queste pagine, che punta ad offrire esperienze interattive e multimediali relative a musei e gallerie d’arte. Gli utenti dell’app, attualmente disponibile per iOS e Android, possono cercare musei e consultarne il catalogo, e prendere parte ad attività come quiz e cacce al tesoro con protagoniste le opere in esposizione. Nel progetto, del quale si stava sviluppando una nuova versione al momento del mio arrivo, sono intervenuto innanzitutto sul server, per poi lavorare anche sul portale web destinato ai gestori dei musei, con cui è possibile inserire tutti i contenuti che gli utenti visualizzeranno sulla propria app.

Sul server, costruito con il framework PHP Laravel, i miei principali interventi sono stati i seguenti.

  • Modifica e arricchimento della funzionalità di ricerca dei musei, che in particolare consente adesso di ottenere senza filtri per lingua tutti i musei presenti, ognuno con i contenuti nella sua lingua principale, e di ordinare la lista in base alla posizione dell’utente, così da mostrare per primi i musei più vicini.
  • Aggiunta e gestione del numero di fermata delle opere, dove con numero di fermata (stop number) si intende il numero che, all’interno dei musei, compare tipicamente a lato di ciascuna opera e permette di ascoltarne l’audioguida. Tale numero può adesso essere immesso direttamente sulla app, così che gli utenti possano accedere alla scheda dell’opera e sentire l’audioguida sul proprio smartphone senza necessità di altri dispositivi.
  • Aggiunta della possibilità di ottenere il catalogo di un museo filtrato per piani e stanze, per conoscere con facilità quante e quali opere sono esposte in una certa stanza.
  • Modifiche al database relative in particolare alla gestione delle traduzioni. Nella versione di Muzeums sviluppata durante il mio tirocinio, una delle novità più importanti è stata appunto la nuova gestione delle traduzioni per i contenuti. Il database ha quindi richiesto una serie di modifiche, sia per la creazione di nuove strutture che per la riorganizzazione dei vecchi dati.

Oltre a questo e ad altri interventi minori, ho sviluppato un componente del tutto nuovo, che ha riguardato sia il server che il portale web: si tratta dell’importatore di opere da Europeana Collections. Europeana è un ricco database aperto, contenente dati su oggetti di ogni tipo facenti parte del patrimonio culturale e artistico europeo. L’idea è che i gestori dei musei possano, nel momento in cui vogliono aggiungere informazioni sulle opere in esposizione, prelevare i dati da Europena invece che inserirli da zero. L’importatore permette di cercare opere su Europeana usando una serie di filtri, visualizzare le informazioni rilevanti e salvarle sul database di Muzeums. L’utente può modificare e arricchire i dati a piacimento prima di concludere l’importazione.

Per lo sviluppo del componente, ho creato sul portale web, costruito con la libreria JavaScript Polymer, due interfacce grafiche: la prima per la ricerca delle opere, la seconda per la visualizzazione, modifica e salvataggio delle informazioni di un singolo oggetto. Sul server ho di conseguenza aggiunto le funzionalità richieste dalle interfacce, che interagiscono con Europeana per effettuare le operazioni necessarie. L’importatore è al momento funzionante, e sarà pubblicato insieme alla prossima versione della piattaforma web di Muzeums.

In conclusione, posso dire che questa esperienza di tirocinio è stata molto importante per la mia formazione, sia dal punto di vista didattico che personale. Mi sono trovato a confrontarmi con tecnologie e progetti piuttosto complessi, e credo che farlo in un ambiente di lavoro mi abbia permesso di crescere sotto molti aspetti. L’accoglienza alla Oimmei è stata ottima, e passato il primo periodo di approccio mi sono sempre trovato bene in azienda. Sono felice di poter oggi continuare, come apprendista, l’esperienza che ho iniziato lo scorso ottobre, e spero in futuro di poter partecipare a molti altri progetti con i ragazzi di Oimmei.

Per ulteriori informazioni scrivete a info@oimmei.com

Oimmei con Muzeums al MuseumNext

  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext
  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext
  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext

New York, Nov. 14-16 2016

Far parte di un progetto cosi ambizioso come Muzeums ci porta anche in giro per il mondo per farne promozione e aiutarlo a crescere sempre di più. Al contrario del 2015, dove siamo stati a Londra per il TechCrunch Disrupt, questa volta ci siamo recati a New York, per partecipare ad una delle più importanti conferenze dedicate esclusivamente ai musei, con l’intento di discutere il futuro dei musei nei prossimi anni a venire.

Muzeums e’ stato uno dei principali sponsor di MuseumNext NY, la seconda tappa del 2016, dopo quella di Dublino, e prima di quella di Sydney nel Febbraio del 2017. Il luogo di New York non poteva essere più suggestivo, nella zona conosciuta come Tribeca, nel cuore di Manhattan, al BMCC (Borough of Manhattan Community College). Proprio sotto la maestosità della Freedom Tower da un lato, e di moli con le navi che salpano per Liberty Island dall’altro, proprio al centro di una delle zone più stimolanti e ricche di vita di Manhattan.

Durante la conferenza abbiamo avuto l’occasione di fare un nostro intervento, mostrando cosi il nostro prodotto per la prima volta al di fuori dell’Europa. La risposta dei presenti, tutti addetti ai lavori, e’ stat sorprendente, moltissimi ci hanno riconosciuto come questo prodotto potrà cambiare il modo in cui le persone interagiranno con un museo in futuro, e sopratutto come questo potrà aiutare i piccoli musei ad aver accesso a tecnologie fino ad oggi riservate solamente ai più grandi.

Non vediamo l’ora di porter espandere la nostra presenza negli Stati Uniti durante il 2017, in modo che durante le vostre prossime vacanze possiate avere un’esperienza di diversa durante la visita di un museo.

Oimmei & Museums Live @TechCrunch Disrupt

techcrunch london muzeums

We Are Europeana: Oimmei e Muzeums all’Europeana Network Association AGM 2015

oimmei muzeums europeana network associations agm

Il 3 e il 4 Novembre Oimmei è stata invitata a partecipare al meeting annuale “Europeana Members”, due giorni di eventi in cui, organizzazioni e persone da tutto il mondo si riuniscono per discutere e progettare quello che sarà il futuro del patrimonio culturale nei prossimi anni.
Siamo veramente contenti di essere stati invitati come membri della rete di Europeana, anche grazie al nostro impegno in progetti come Europeana Beacons e Muzeums, che si pregiffono l’obiettivo di cambiare il rapporto tra musei e visitatori.


We are Europeana è stato il motto di tutta la convention, perchè proprio tutti hanno il diritto e il dovere di proporre idee e progetti per modellare e migliorare il modo in cui le persone fruiscono della cultura.
Un momento emozionante è stato l’evento chiamato “fly your europeana dream“, dove tutti i partecipanti erano invitati a scrivere le proprie idee su di un aeroplanino di carta e a farlo volare nell’auditorio, dove in seguito sono stati raccolti e letti dalla commissione di Europeana.


Più tardi c’è stato un bellissimo evento al prestigioso Rijksmuseum, che abbiamo potuto visitare in serata..una sorta di “Una notte al museo“!
Accanto al nostro amico e CEO di Muzeums, David Pond, abbiamo avuto modo di toccare con mano la calorosa accoglienza da parte del pubblico, accademici e curatori di musei, riservata al nostro progetto, che ci ha dato nuovo entusiasmo e grinta per gli impegni futuri.
Infatti parteciperemo il 7 e l’8 Dicembre al prestigioso London TechCrunch Disrupt, e francamente..non vediamo l’ora!

 

AGM 2015 – Fly your Europeana dream from Europeana on Vimeo.

 

 

Oimmei incontra Muzeums

techcrunch london muzeums

Salve a tutti! Siamo impazienti di annunciarvi che ci siamo imbarcati in una nuova emozionante avventura! Oimmei farà infatti parte di una nuovissima startup chiamata Muzeums, con un solo obiettivo in mente: ridefinire il modo in cui ciascuno di noi vive una visita ad un museo.

Di seguito una breve spiegazione di cosa sarà Muzeums:
“Muzeums è un App e una piattaforma per musei in grado di fornire ai visitatori di un museo un’esperienza unica e individuale in base ai proprio interessi e stili di apprendimento. Tutto questo riordinando dinamicamente contenuti taggati, geo referenziati ed esperienziali. In altre parole, mentre utilizzi Muzeums, l’App genererà, al momento, un esperienza calibrata appositamente per te, presentata inoltre nel formato che tu preferisci, sia essa una visita guidata oppure un gioco interattivo in real-time.”
Siamo stati contattati  qualche mese fa da David Lachmish, CEO e fondatore di Muzeums, perché aveva bisogno di persone di talento in grado di trasformare la sua visione in Apps, e noi non potevamo essere più che entusiasti nell’abbracciare la sua visione.

Recentemente Muzeums è stata accettata nella prestigiosa piattaforma Seedrs, la più prestigiosa piattaforma del Regno Unito per il crowdfunding dove chiunque può finanziare una startup e ricevere in cambio azioni della futura azienda. Se volete anche voi partecipare a questo progetto potete sempre aggiudicarvi un pezzettino di Muzeums, altrimenti non vediamo l’ora che possiate provare la nostra piattaforma la prossima volta che vi recate in un museo!

Questo è il link alla compagnia Seedrs di Muzeums!