fbpx

PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO

  • PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO
  • PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO
  • PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO
  • PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO
  • PRESENTATO A LIVORNO IL CHATBOT PER SCOPRIRE LA MAREMMA E IL TIRRENO

Martedì 18 dicembre a Livorno è stato presentato il progetto “Cultura, Turismo e Innovazione” della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno che prevede la realizzazione di un chatbot, uno strumento innovativo e interattivo, che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale e le risorse turistiche di questi territori. 

Sulla pagina facebook Maremma e Tirreno The secret heart of Tuscany, che già si occupa di promozione culturale digitale, è attualmente disponibile la versione demo del chatbot con un primo itinerario pilota: passando per 7 tappe, si parte da Livorno e si arriva fino a Porto Santo Stefano seguendo le tracce degli antichi mestieri.

Il chatbot ufficiale dovrebbe essere attivo ad inizio della stagione estiva, con nuovi itinerari e contenuti aggiuntivi realizzati grazie alla collaborazione di Comuni, operatori culturali e istituzioni locali che vorranno far parte del progetto. 

Durante la presentazione il Presidente Riccardo Breda ha infatti spiegato che si tratta di  un progetto concreto con molte possibilità di evoluzione che la Camera di Commercio mette a disposizione dei territori per favorire il dialogo tra mondo culturale, imprese e turismo, con lo scopo di fornire uno strumento innovativo che supporti in modo efficace gli sforzi di promozione delle singole realtà.

Alle sue parole ha fatto effettivamente seguito l’entusiasmo e la disponibilità a partecipare delle istituzioni intervenute: i Comuni della zona tirrenica, i rappresentanti di istituzioni culturali, come la Dott.ssa Paola Tognon, direttrice del Museo Fattori e del Museo della Città, e la Dott.ssa Francesca Cagianelli, della Pinacoteca Servolini di Collesalvetti, e di istituzioni locali, come la Dott.ssa Serena Veroni, responsabile Marketing per la Porto Livorno 2000.

 

Rassegna Stampa

Il Tirreno

http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2018/12/19/news/gli-itinerari-turistici-di-livorno-con-un-messaggio-sul-telefonino-1.17578456

QuiLivorno

https://www.quilivorno.it/news/enti/la-camera-di-commercio-diventa-2-0-ecco-gli-itinerari-turistici-sul-telefonino/

ANSA

http://www.ansa.it/pmi/notizie/unioncamere/2018/12/18/turismo-chatbot-aiuta-scoprire-itinerari-livorno-e-grosseto_4ccbc383-4e75-49ee-b7dc-fb447195f6df.html

La Nazione

Nazione Livorno chatbot camera di commercio

 

A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO

  • A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO
  • A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO
  • A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO
  • A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO
  • A GROSSETO LA PRESENTAZIONE DEL CHATBOT PER LA CAMERA DI COMMERCIO

Presso la sede di Grosseto della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, è stato presentato venerdì 14 dicembre il risultato del progetto “Cultura, Turismo e Innovazione”: un chatbot, ovvero una chat che mette in collegamento l’utente con un robot, che supporti la promozione e la valorizzazione della cultura e del turismo della Maremma e del Tirreno.

Siamo partiti dall’idea di offrire uno strumento pratico e di immediata utilizzazione, che può crescere grazie ai partner – dice Barbara Fondelli, dell’Ufficio Comunicazioni e Relazioni esterne della Camera di Commercio – si tratta di un progetto sperimentale, innovativo e di facile utilizzazione attraverso i social network.

Sulla pagina facebook Maremma e Tirreno The secret heart of Tuscany è disponibile la versione demo del chatbot, che permetterà all’utente e al visitatore di orientarsi tra percorsi di scoperta delle bellezze culturali, artistiche e turistiche della Maremma e del Tirreno.

Attualmente è disponibile un primo itinerario che guida l’utente alla scoperta degli antichi mestieri, toccando 7 tappe (da Livorno a Grosseto) dove i mestieri di un tempo vengono ancora ricordati e persino praticati.

Durante la presentazione sono intervenuti i comuni e realtà locali della zona della Maremma, dimostrando interesse ed entusiasmo per questo progetto. Il loro ruolo sarà essenziale perché, come ha spiegato il Presidente Riccardo Breda durante la presentazione, “si tratta del primo chatbot di un ente pubblico e che viene messo a disposizione del territorio, dei Comuni, ad esempio, che potranno riempirlo di contenuti”.

Comuni, operatori culturali, istituzioni locali potranno arricchire il chatbot con contenuti e nuovi itinerari, contribuendo a crearne la versione ufficiale che verrà lanciata ad inizio della stagione estiva. Avranno a disposizione uno strumento che possa supportare i loro sforzi nella promozione culturale e turistica, in un modo semplice, innovativo e coinvolgente. 

Rassegna Stampa

Il Giunco

https://www.ilgiunco.net/2018/12/14/per-sostenere-il-turismo-arriva-lassistente-elettronico-della-camera-di-commercio/

https://www.ilgiunco.net/2018/12/14/cultura-turismo-e-innovazione-i-sindaci-sostengono-il-progetto-della-camera-di-commercio/

Il Tirreno

http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2018/12/15/news/un-assistente-virtuale-aiutera-a-scegliere-gli-itinerari-culturali-1.17566775

 

 

la nazione chatbot grosseto chatbot

 

LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0

  • LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0
  • LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0
  • LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0
  • LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0
  • LA STRATEGIA DIGITALE OGGI – R.E.V.TEC.h 4.0

Il progetto R.E.V.TEC.h si rivolge alle imprese di tutti i settori e ha lo scopo far conoscere loro le opportunità offerte dall’industria 4.0 e dalla digitalizzazione. 

Sono ancora molte le imprese, di tutti i livelli e appartenenti a settori differenti, che non sfruttano appieno le potenzialità delle innovazioni e del digitale. Non si parla di tecnologie all’avanguardia o di robotica ma di strategie digitali e informatizzazione, soluzioni che possono portare le imprese ad essere al passo con i tempi, concorrenziali e ad espandersi.

In 14 tappe in Toscana, nell’Area Vasta Costa (Pisa, Lucca, Livorno e Massa Carrara), esperti del settore illustrano in modo semplice le caratteristiche della strategia digitale e come può essere applicata, fornendo spunti di riflessioni e strumenti pratici. Alla fine della parte dedicata alla formazione, le aziende interessate potranno ricevere breve consulenza e strutturare anche una formazione personalizzata sulle proprie caratteristiche ed esigenze.

Abbiamo partecipato come relatori a tre tappe del progetto, a Rosignano, a Piombino e a Livorno e le nostre presentazioni sono state dedicate ad uno strumento di grande successo negli ultimi anni, particolarmente flessibile e intuitivo: il chatbot.

È una soluzione software che permette di simulare una conversazione reale, da poter applicare alle più comuni app di messaggistica (Messenger, Whatsapp, Telegram) o integrare su un sito. Uno strumento che quindi si cala nella realtà di ognuno di noi e il cui successo è determinato dal fatto che esso risponda ad una delle esigenze primarie degli utenti: avere risposte immediate.

Il chatbot è un valido alleato per ogni tipo di azienda: è molto flessibile e quindi può essere applicato ad ambiti e scopi differenti, permette di essere sempre presenti per il cliente e di soddisfare le sue richieste, contribuendo a fidelizzarlo.

La loro tecnologia è destinata a crescere e ad avere un ruolo sempre più importante nel mercato, è infatti la nuova frontiera di contatto tra l’azienda e il cliente.

Il prossimo appuntamento al quale parteciperemo sarà quello conclusivo del progetto e si terrà il 31 gennaio 2019 in Val di Cornia, e avrà come tema centrale il turismo.

Un’altra opportunità per le aziende di ricevere informazioni mirate e consulenze personalizzate.

L’ESPERIENZA DELLA FINALE NAZIONALE – PREMIO CAMBIAMENTI 2018

  • L’ESPERIENZA DELLA FINALE NAZIONALE – PREMIO CAMBIAMENTI 2018
  • L’ESPERIENZA DELLA FINALE NAZIONALE – PREMIO CAMBIAMENTI 2018
  • L’ESPERIENZA DELLA FINALE NAZIONALE – PREMIO CAMBIAMENTI 2018
  • L’ESPERIENZA DELLA FINALE NAZIONALE – PREMIO CAMBIAMENTI 2018

859 imprese candidate, 301 comuni coinvolti, 174 imprese toscane partecipanti. Diamo i numeri? Sì, quelle del Premio Cambiamenti. Il contest è stato organizzato dal CNA e ha l’obiettivo di scoprire, premiare e supportare le neo-imprese che con la loro attività vogliono innovare e primeggiare nel panorama italiano.

Le prime due tappe sono state un successo per noi e il 30 novembre il nostro progetto approda alla finale nazionale del Premio, che si svolge a Roma. Insieme a noi partecipano altre 19 imprese innovative, provenienti da tutta Italia, che rappresentano ambiti differenti tra loro.

Non abbiamo vinto, ve lo diciamo subito. Ma ci sentiamo perfettamente in linea con quello che era l’obiettivo del contest: offrire non solo occasione di visibilità per le imprese innovative, ma anche un’opportunità di confronto e contatto.

Torniamo a casa da questa esperienza soddisfatti di aver potuto presentare anche a livello nazionale un progetto al quale teniamo molto, ScuolaBus App. Un’app che si concentra sul trasporto pubblico scolastico e che ha lo scopo di renderlo sicuro per i bambini che ne usufruiscono. Un progetto che si rivolge alle amministrazioni locali per supportarle nell’offrire un servizio efficace e sicuro ma anche uno strumento in più per la mobilità sostenibile e per lanciare un messaggio di socialità. 

Non ci siamo aggiudicati il premio ma sicuramente abbiamo vinto emozioni, contatti, tante soddisfazioni e stimoli per proseguire nel nostro lavoro.

ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI

  • ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI
  • ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI
  • ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI
  • ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI
  • ANDIAMO A ROMA! – VITTORIA ALLE SELEZIONI REGIONALI DEL PREMIO CAMBIAMENTI

Sono state ben 174 le imprese toscane ad iscriversi al Premio Cambiamenti, il contest nazionale organizzato e promosso dalla CNA per scoprire, premiare e sostenere le migliori neo imprese (costituitesi dopo il 1 gennaio 2015) che hanno saputo innovare prodotti e processi proiettandosi verso il futuro.

Nonostante la situazione economica si mantenga sempre difficile, questo risultato, che vede la Toscana come la regione con più aziende in concorso a livello nazionale, ci rende particolarmente orgogliosi e convinti che il lavoro portato avanti da stia realmente portando i suoi fruttispiega Cristiano Coppi, presidente dei giovani imprenditori – Una Toscana prima in Italia per numero di startup innovative significa riconoscere finalmente un cambio di visione e di progetto, spesso anche di carattere generazionale, che ribalta la concezione dell’artigiano tradizionale e lo trasforma in un imprenditore rivolto al futuro

Dopo essere stati premiati con il terzo posto alle selezioni provinciali, approdiamo alle Regionali con il nostro progetto ScuolaBus App, un’applicazione che ha come punto focale la sicurezza dei bambini. Il progetto ha l’obiettivo di supportare l’amministrazione locale e i genitori per poter rendere più efficace, ma soprattutto sicuro, il trasporto pubblico scolastico.

La giuria, composta dal Presidente regionale dei Giovani Imprenditori, dal Presidente CNA Artistico Toscana e dal Presidente CNA Industria Toscana, ha scelto il nostro progetto tra le 28 imprese partecipanti, permettendoci di staccare il biglietto per la finale nazionale del 30 novembre a Roma!

Un grande orgoglio per noi e una soddisfazione per il nostro progetto!

PREMIO CAMBIAMENTI – 3° POSTO ALLE SELEZIONI PROVINCIALI

  • PREMIO CAMBIAMENTI – 3° POSTO ALLE SELEZIONI PROVINCIALI
  • PREMIO CAMBIAMENTI – 3° POSTO ALLE SELEZIONI PROVINCIALI
  • PREMIO CAMBIAMENTI – 3° POSTO ALLE SELEZIONI PROVINCIALI

Il Premio Cambiamenti è un’iniziativa promossa e organizzata dalla CNA dedicata alla neo imprese in fase di startup che hanno saputo innovare prodotti e processi, attraverso la loro quotidiana attività, con l’ambizione di rappresentare al meglio il Paese.

Il contest è articolato su 3 fasi: una prima fase provinciale, una fase regionale e infine l’ultima fase, a livello nazionale, che porterà alla premiazione delle 3 migliori startup dell’anno.

Dopo la partecipazione nel 2017, abbiamo deciso di partecipare nuovamente portando un progetto a cui teniamo particolarmente: ScuolaBus App, un’applicazione innovativa per la sicurezza dei bambini che si avvalgono del servizio di trasporto pubblico scolastico. La situazione di pericolo emersa dalle nostre indagini preliminari, ci ha fatto capire quanto fosse necessario uno strumento che rendesse efficace e sicuro il trasporto scolastico e che desse tranquillità ai genitori nell’affidarsi al servizio di scuolabus.

Il 16 ottobre presso la sede CNA di Livorno si è svolta la prima fase del contest, in cui le aziende partecipanti sono state valutate dalla giuria composta dai presidenti dei Giovani Imprenditori Cna, Dario Serpan, e di Impresa Donna, Milly Iovino, dal direttore Marco Valtriani e dalla coordinatrice sindacale Ilaria Niccolini.

Ci siamo classificati terzi, preceduti da altre due aziende innovative livornesi, Human Valor e Via Calzabigi.

Adesso ci aspetta la selezione regionale, il 30 ottobre a Firenze. Competeremo con le altre 27 imprese vincitrici delle sezioni provinciali.

App B On Time Livorno

  • App B On Time Livorno
  • App B On Time Livorno
  • App B On Time Livorno

Abbiamo rivoluzionato l’App del trasporto pubblico della provincia di Livorno.

Speriamo tanto che vi piaccia e che vi sia utile nei vostri spostamenti giornalieri, stiamo già pensando a miglioramenti e nuovi sviluppi per renderla ancora più eccezionale!
Ovviamente i vostri feedback sono i benvenuti..e anche le recensioni positive sugli store!! 😛

La prima uscita in pubblico sarà domani 13 Aprile presso il Comune di San Vincenzo, alle ore 12.00, aprirà l’evento Alessandro Bandini, Sindaco di San Vincenzo. 
Siete tutti invitati all’evento.

B On Time è un’App per la consultazione degli orari del trasporto pubblico locale della Provincia di Livorno (Livorno, Piombino, Cecina, Rosignano, Portoferraio, Elba, Capraia, Val di Cornia) svolto dalle società Ctt nord (ex ATL ) e Tiemme (ex ATM).

Con B On Time è possibile oltre a consultare orari e linee, cercare le rivendite più vicine o acquistare direttamente i titoli di viaggio, pianificare i viaggi con il travel planner, ricevere informazioni in tempo reale sul servizio, ricevere informazioni personalizzate attraverso l’utilizzo dei beacon alla fermata e sul mezzo.

Funzionalità

• ORARIO PROGRAMMATO: Possibilità di consultare gli orari alle singole fermate come programmati

• TEMPO REALE: Possibilità di ricevere direttamente sull’App informazioni sui prossimi passaggi in tempo reale alla singola fermata

• PIANO DELLE LINEE: Possibilità di visualizzare l’elenco delle linee e il dettaglio di ogni singola linea del trasporto pubblico

• TRAVEL PLANNER: Possibilità di pianificare gli spostamenti attraverso la funzione di travel planner da/ per integrata

• FERMATE: Ricerca e visualizzazione delle fermate più vicine

• RIVENDITE: Ricerca e visualizzazione delle Rivendite più vicine

• TITOLI DI VIAGGIO: Acquisto dei titoli di viaggio per tutte le tratte supportate dalla piattaforma tramite sistema di sms integrato.

• AVVISI: Possibilità di consultare gli avvisi dei gestori del trasporto pubblico locale della Provincia di Livorno

 

Scarica adesso a questo indirizzo

http://www.bontime.it/

 

bontime schermate

Dé Digital “Lavorare con le APP”

  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”
  • Dé Digital “Lavorare con le APP”

Dal 2013 in poi l’utilizzo degli smartphone ha superato l’utilizzo dei computer desktop, in media consultiamo il nostro smartphone un’ora e quaranta minuti al giorno, la domanda oggi non è se il mobile sia importante, ma come poter sfruttare le App mobile per acquisire nuovi clienti e per coinvolgere e fidelizzare i clienti già acquisiti. Non solo, le App inserite con criterio nei processi aziendali possono aumentare esponenzialmente l’efficienza delle vostre attività e migliorarne la produttività.

Questo corso gratuito era rivolto alle piccole e medie aziende che hanno voluto scoprire tutte le potenzialità delle App per accrescere il loro business.

Le tematiche analizzate durante l’incontro:

– come MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS con le App
– capire il tipo di App adatto alle esigenze specifiche
– come si costruisce un’App
– QUANTO COSTA e quali fattori incidono sul costo complessivo
– come cambia l’esperienza dell’utente rispetto al sito web
– La PROMOZIONE e il MARKETING per le App

Grazie al contributo di Marco Longobardi, abbiamo parlato delle peculiarità delle App e della differenza di esperienza tra web e mobile.

Dè Digital è un percorso di 5 incontri gratuiti finalizzati all’acquisizione di una maggiore consapevolezza del mondo digitale. Le tematiche affrontate spaziano dalla Sicurezza Informatica, al miglioramento della presenza della propria azienda sul Web e sui Social Network, dalla buona Comunicazione alla scoperta delle App.

Presentazione App al Contest Giovani Innovatori 2017

Sabato 11 al Teatro dell’Ordigno di Vada si è svolta la fase finale del Contest Giovani Innovatori promosso dal Comune di Rosignano, è stata l’occasione per noi di presentare la nostra idea di mobilità sostenibile applicata al mondo della Scuola, la Pedibus App.

#sempresulpezzo #contestgiovaninnovatori #rosignano #oimmei #app

 

Sviluppo App oltre i confini di Livorno, Premio CambiaMenti 2017

Premio Cambiamenti Cna Livorno Oimmei Sviluppo App

Lunedì pomeriggio siamo stati premiati per lo sviluppo App con servizi offerti dalla Cna e con  il passaggio alla fase regionale alla seconda edizione del Premio CambiaMenti Cna.

Anche quest’anno si è svolta l’iniziativa del Premio Cambiamenti organizzata da Cna, concorso nazionale arrivato alla sua seconda edizione che intende premiare le imprese nate negli ultimi tre anni che riescono a rinnovarsi, reinventarsi, che hanno passione e creatività. La Cna (Confederazione Nazionale dell’Artigianato) da settant’anni ha lo scopo di dare valore alle piccole e medie imprese e all’artigianato, promuovendo lo sviluppo sociale e il progresso economico. La Cna anche quest’anno ha deciso di sostenere Cambiamenti (2017) che ha l’obiettivo di offrire visibilità alle aziende e di riconoscere i loro meriti.

Siamo stati premiati per la qualità dei prodotti che sono riusciti ad arrivare oltre il nostro territorio, infatti grazie alla nostra specializzazione nello sviluppo app e web application siamo riusciti a conquistare non solo clienti a Livorno ma anche all’estero. Così come è scritto nel post condiviso proprio dal profilo Facebook ufficiale della Cna:

“Medaglia d’argento alla Oimmei srl nel Premio CambiaMenti, il concorso lanciato a livello nazionale da Cna per premiare le aziende più originali e innovative. Nella tappa livornese del premio Luca Finocchiaro nei tre minuti dati a disposizione dalla giuria per presentare l’azienda ha trasmesso tutta l’innovatività e creatività che i 4 soci ed il team dell’azienda mettono quotidianamente nello studio e lo sviluppo app per i propri clienti che molto spesso varcano i confini non solo regionali ma nazionali.”

 

La nostra è un’azienda livornese concentrata sulle tecnologie più recenti specializzata nello sviluppo app e web application ma diamo anche particolare attenzione all’esperienza degli utenti e alla usabilità. Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie e del web che sta caratterizzando il mondo il nostro lavoro può riferirsi a chiunque, per questo i nostri servizi sono rivolti non solo a Livorno e all’Italia ma anche ai paesi all’estero.

Ringraziamo per tutto il sostegno ricevuto fino ad ora e che speriamo di ricevere anche a Firenze!

 

Parlano di noi:

Premiate le tre imprese più innovative della provincia (Qui Livorno)

 

Intervista su Canale 50 a Oimmei, al Polo Tecnologico di Navacchio

Oimmei si è presentata cone nuova Startup al Polo Tecnologico di Navacchio, in questa occasione siamo stati intervistati da Canale 50.

 

Oimmei all’aperitivo con l’incubatore di Rosignano e il Polo Tecnologico di Navacchio

Venerdì 9 Giugno abbiamo partecipato ad un apertivo/incontro organizzato dall’Incubatore di Rosignano e dal Polo Tecnologico di Navacchio, un momento di aggregazione e di partecipazione per conoscere e per conoscerci.
La cronaca dell’evento la trovate sul sito del polo tecnologico a questo indirizzo: http://www.polotecnologico.it/aperitivo-gli-startupper-rosignano-innovazione-networking/
Qua sotto è riportato il nostro intervento iniziale all’evento:
“Buongiorno io sono Luca Finocchiaro, sono il cofondatore di Oimmei, insieme agli altri 3 amici e soci, Andrea Fastame, Simone Figlié ed Ephraim Pepe.
Oimmei sviluppa applicazioni mobile e piattaforme web integrate.
Dentro al nome Oimmei c’è anche la nostra mission, perché Oimmei? Intanto per ricordarci di non prenderci mai troppo sul serio, amiamo talmente quello che facciamo che a volte chiamarlo lavoro ci sembra anche un po’ strano, ma soprattutto perchè la nostra mission è quella di semplificare la vita delle persone creando applicazioni che rendono facile il processo di accesso a determinati servizi e prodotti.
Nel nostro lavoro alterniamo la ricerca e sviluppo alla produzione di servizi conto terzi; per quanto riguarda i nostri ultimi prodotti, il primo si chiama Park and Share e si tratta di un’applicazione iOS che consente la condivisione della posizione dell’auto con familiari e amici sfruttando le amicizie di Facebook, è possibile impostare automaticamente la posizione, impostare un parchimetro e condividere il tutto con la famiglia o con la persona con cui si condivide l’auto.
Un’altra applicazione che abbiamo fatto recentemente si chiama Antoo, da Ant, formica, perché le formiche sono operose e collaborative, è un App per iOS e Android che tramite i dispositivi Bluetooth LE, i beacons, permette di localizzare la presenza o meno dei colleghi nei vari uffici, permette di impostare dei reminder personali o di gruppo all’ingresso o all’uscita dall’ufficio tracciando orario di permanenza con statistiche, etc.
Ci teniamo a dire che attualmente non lo utilizziamo come rilevamento delle presenze per buste paga o quant’altro ma sicuramente è possibile modificare alcuni comportamenti per le pmi in questo senso.
Per quanto riguarda lo sviluppo conto terzi spesso ci chiamano ad essere facilitatori tecnologici di Startup.
Una delle Startup più prestigiose con cui collaboriamo è Muzeums, ha base a Londra e si è costituita anche grazie al nostro aiuto, poiché siamo stati e siamo tutt’ora, il reparto tecnologico di Muzeums.
Museums  è un prodotto per la gestione di contenuti museali.
E’ composta da una piattaforma Web e da due applicazioni una iOS e una Android.
Come funziona? I musei pagano un piccolo abbonamento mensile per utilizzare la piattaforma, inseriscono i loro dati, i servizi offerti, ma soprattutto inseriscono tutte le opere che ospitano nel museo e una serie di esperienze per adulti o per bambini legati a queste opere. 
Ad oggi esiste la Media Guide, una serie di percorsi guidati all’interno del museo, la caccia al tesoro,  il quiz e il just for you, nel dettaglio
  • Just for you, esperienze create sul momento dall’app prendendo tutti i parametri inseriti dall’utente in fatto di gusti, preferenze e visite passate.
  • Media Guide, una serie di tour guidati creati dal curatore.
  • Caccia al tesoro e Quiz, giochi creati per intrattenere il visitatore.
Un visitatore cosa può fare davanti all’opera? Visualizzare una serie di immagini, filmati, leggere dell’opera, ascoltare tracce audio nella sua lingua.
Lato curatore esistono tutta una serie di funzionalità, quella più interessante è la raccolta di dati sui visitatori, provenienza, lingua, le opere più visitate e via dicendo.
Perché siamo incubati al polo, abbiamo iniziato con le nostre gambe, in questo momento stiamo crescendo e abbiamo sentito l’esigenza di fermarci un attimo per prendere una rincorsa guidata, strutturata, perché siamo tutti informatici in azienda e abbiamo tanto da imparare su come si conduce.
Tra 3 anni dove ci vediamo? Vogliamo strutturarci in modo da poter gestire progetti più grossi, diventare un punto di riferimento forte sul territorio per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni mobile ma nello stesso tempo vogliamo internazionalizzarci a aprirci a nuovi mercati in Europa.”

Oimmei premiata all’assemblea CNA a Livorno

  • Oimmei premiata all’assemblea CNA a Livorno
  • Oimmei premiata all’assemblea CNA a Livorno
  • Oimmei premiata all’assemblea CNA a Livorno
  • Oimmei premiata all’assemblea CNA a Livorno

Dare Risposte alle Imprese è stato il titolo dell’assemblea CNA Territoriale di Livorno che si è svolta presso l’Auditorium della CCIAA della Maremma e del Tirreno con una grande partecipazione di pubblico.
L’assemblea ha eletto nuovo presidente della CNA territoriale di Livorno Maurizio Serini, imprenditore del settore impianti dell’Isola d’Elba, già vicepresidente provinciale nel mandato appena conclusosi.
Eletti Vicepresidenti Loris Landi, Nicola Baldini e Carlo Santucci.
Confermato direttore generale Marco Valtriani.
Presente il presidente nazionale Daniele Vaccarino.
Sono intervenuti la sottosegretario al ministero dell’Ambiente Silvia Velo, l’assessore regionale al Lavoro Cristina Grieco, il presidente della Provincia Alessandro Franchi e il presidente della Cciaa Riccardo Breda.

In questa occasione siamo stati premiati come nuove aziende associate.

Tecnologia: un team di sviluppatori vincente

consulenza oimmei sviluppo app developement

Per la redazione di ProntoPro abbiamo rilasciato una breve intervista:

Oimmei: Di cosa si tratta?

Siamo specializzati nello sviluppo di App iOS e Android ed anche Applicazioni Web e Siti Web, con particolare attenzione al design, all’usabilità e all’esperienza dei nostri utenti. Per quanto riguarda le App, sviluppiamo app native iOS e Android per tutti i tipi di dispositivi mobili, smartphone, tablet, wearable e smart TV. Per quanto concerne invece il mondo web, sviluppiamo piattaforme per i settori più disparati, dall’ecommerce per aziende del settore della nutrizione, alla piattaforme per enti museali. Quello che guida il nostro lavoro è una solida strategia digitale che costruiamo attorno alle esigenze dei nostri clienti.

Quali sono le sfide più interessanti che vi trovate ad affrontare in questo momento?

Lavoriamo quotidianamente con Startup tecnologiche che cercano di emergere, e i dettagli di alcuni progetti a volte non possono essere divulgati fino alla conclusione del progetto stesso. In questo momento stiamo lavorando sulla tecnologia dei beacons per Muzeums, dei dispositivi in grado di segnalare la loro presenza e con i quali si possono realizzare applicazioni per infinite situazioni.
Un progetto che abbiamo già realizzato infatti è un prototipo di applicazione, Europeana Beacons, che consente la visita turistica delle città in maniera interattiva, lasciando che siano i monumenti e i punti di interesse delle città ad interagire con il turista. Appena il turista si troverà nelle vicinanze del punto di interesse, la App segnalerà la sua presenza, consentendo la fruizione di informazioni relative allo stesso e a punti di interesse collegati, a materiale multimediale quali guide, video e giochi interattivi realizzati ad hoc per coinvolgere il turista nella visita della città.

Per ottenere un buon risultato bisogna avere buon metodo. In che modo le tecniche di Agile Development  vi aiutano a raggiungere i vostri obiettivi? In che modo impatta la gestione giornaliera del vostro workflow?

A Oimmei abbiamo adottato un nostro metodo che sfrutta i principi Agile, in generale quando iniziamo a lavorare ad un nuovo progetto, dopo la raccolta di tutta la documentazione tecnica, dedichiamo una o due settimane in un Design Sprint a stretto contatto con l’azienda per cui sviluppiamo, in questo periodo di tempo siamo già in grado di impostare assieme al cliente una direzione condivisa e tirar fuori un prototipo del futuro prodotto. Da quel momento in poi  andiamo avanti attraverso cicli Agile nello sviluppo delle funzionalità richieste mentendo quindi un continuo rapporto con i feedback del cliente finale, il tutto ovviamente, misurato e calibrato sull’entità del progetto. Per noi il successo di un prodotto è sempre direttamente dipendente dalle aspettative e dagli obiettivi del cliente, di conseguenza dalla sua soddisfazione.
Per leggere l’intervista originale seguite il link: https://www.prontopro.it/blog/tecnologia-un-team-vincente-di-sviluppatori/

Oimmei con Muzeums al MuseumNext

  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext
  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext
  • Oimmei con Muzeums al MuseumNext

New York, Nov. 14-16 2016

Far parte di un progetto cosi ambizioso come Muzeums ci porta anche in giro per il mondo per farne promozione e aiutarlo a crescere sempre di più. Al contrario del 2015, dove siamo stati a Londra per il TechCrunch Disrupt, questa volta ci siamo recati a New York, per partecipare ad una delle più importanti conferenze dedicate esclusivamente ai musei, con l’intento di discutere il futuro dei musei nei prossimi anni a venire.

Muzeums e’ stato uno dei principali sponsor di MuseumNext NY, la seconda tappa del 2016, dopo quella di Dublino, e prima di quella di Sydney nel Febbraio del 2017. Il luogo di New York non poteva essere più suggestivo, nella zona conosciuta come Tribeca, nel cuore di Manhattan, al BMCC (Borough of Manhattan Community College). Proprio sotto la maestosità della Freedom Tower da un lato, e di moli con le navi che salpano per Liberty Island dall’altro, proprio al centro di una delle zone più stimolanti e ricche di vita di Manhattan.

Durante la conferenza abbiamo avuto l’occasione di fare un nostro intervento, mostrando cosi il nostro prodotto per la prima volta al di fuori dell’Europa. La risposta dei presenti, tutti addetti ai lavori, e’ stat sorprendente, moltissimi ci hanno riconosciuto come questo prodotto potrà cambiare il modo in cui le persone interagiranno con un museo in futuro, e sopratutto come questo potrà aiutare i piccoli musei ad aver accesso a tecnologie fino ad oggi riservate solamente ai più grandi.

Non vediamo l’ora di porter espandere la nostra presenza negli Stati Uniti durante il 2017, in modo che durante le vostre prossime vacanze possiate avere un’esperienza di diversa durante la visita di un museo.

Digital Marketing Day – Carrara – San Vincenzo – Livorno – Le frontiere del turismo 3.0

  • Digital Marketing Day – Carrara – San Vincenzo – Livorno – Le frontiere del turismo 3.0
  • Digital Marketing Day – Carrara – San Vincenzo – Livorno – Le frontiere del turismo 3.0
  • Digital Marketing Day – Carrara – San Vincenzo – Livorno – Le frontiere del turismo 3.0
  • Digital Marketing Day – Carrara – San Vincenzo – Livorno – Le frontiere del turismo 3.0

Il Digital Marketing Day

‘Si fa presto a dire Digital’ è lo slogan scelto per il “ digital marketing day ” che ha come fine quello di supportare le aziende ed il nostro territorio nella fase di upgrade digitale, accompagnandole nel processo fornendo tutti gli strumenti necessari a compiere questo delicato passaggio.

I nostri interventi come Oimmei si sono inseriti nel progetto con l’obiettivo di iniziare un dialogo con imprese e associazioni e far capire l’importanza delle nuove tecnologie, in questo caso i beacons, all’interno di una strategia digitale per il turismo, facendo innovazione e allo stesso tempo offrire uno strumento ai turisti per vivere a piano la loro esperienza, alle strutture ricettive per offrire servizi avanzati che aumentano di molto l’engagement dell’utente e le loro possibilità di essere scoperti e raggiunti. I beacons sono inoltre una grande possibilità per le amministrazioni pubbliche, una occasione imperdibile di valorizzare il territorio.

questo infatti l’estratto del nostro intervento presso la Sala Conferenze dell’ Autorità Portuale di Marina di Carrara e nella Sala “La Torre”Porto Turistico di San Vincenzo:

Le frontiere del turismo 3.0
Dal turismo pianificato alla “scoperta inconsapevole”. La visita turistica diventa esperienziale, con l’utilizzo della tecnologia ibeacon, attraverso piccoli dispositivi bluetooth, i beacons, installati facilmente attorno ai luoghi di interesse, il turista diventa protagonista, esplorando le città in modo nuovo, dinamico, coinvolgente e veramente “social”,  costruendo la sua esperienza di passo in passo.

Per qualsiasi informazione sui beacons potete scriverci a info@oimmei.com o venirci a trovare nella nostra sede di Livorno.

 

Symfony Live London 2016

  • Symfony Live London 2016
  • Symfony Live London 2016
  • Symfony Live London 2016
  • Symfony Live London 2016
  • Symfony Live London 2016
  • Symfony Live London 2016

Oimmei ha partecipato al congresso Symfony Live London 2016. Una nuova esperienza inglese per noi, diversa dalle precedenti, ma sicuramente molto interessante.

La prima cosa da segnalare è l’imponente organizzazione di cui gran parte del lavoro è stato fatto da Anne Sophie Bachelard, che ha curato ogni minimo aspetto della comunicazione, a partire dalle email dei giorni precedenti a chi ha partecipato ai workshop alla conduzione della conferenza del secondo giorno.

Sicuramente ci sarebbe tanto da dilungarsi, ma cercheremo di andare subito al sodo.

Sono stati due giorni intensi: il primo dedicato ad un workshop (ce ne erano 4 a cui era possibile partecipare, abbiamo scelto il workshop dedicato ad API Platform 2.0), ed il secondo è stato un susseguirsi di talk, spesso in contemporanea in più sale, e per questo abbiamo dovuto scegliere quelli che secondo noi potevano essere più interessanti per il nostro lavoro.

GIORNO 1: PLATFORM API 2.0

Questa giornata è stata sicuramente la giornata di maggior interesse di questa due giorni. Abbiamo assistito alla presentazione in anteprima della nuova Platform API 2.0. La Platform API 2.0 sfrutta al massimo le potenzialità di Symfony 3.0 e del PHP 7.0 e ci hanno lasciato molto entusiasti.

Il seminario è stato tenuto da Samuel Roze (ideatore del progetto) (github) coadiuvato da Kévin Dunglas (github) e Amrouche Hamza (github), altri due sviluppatori del progetto (Kévin è anche uno degli sviluppatori del Core di Symfony).

In classe eravamo in 8, provenienti un po’ da tutta Europa (eccetto 2 Indiani) e tutti al primo approccio con l’API Platform.

La giornata è passata realizzando la demo che attualmente presentano su https://demo.api-platform.com/ e c’è da dire una cosa: il codice scritto è stato veramente minimo!

Le API Platfom 2.0 sono veramente impressionanti per velocità di sviluppo e semplicità!

Le Annotation sono le artefici di questa “magia”. Se si conoscono bene è possibile scrivere pochissimo codice! Questo ci spinge a dire che con molta probabilità, considereremo di usarle nelle prossime App che Oimmei svilupperà!

Naturalmente finita la demo abbiamo abbiamo avuto modo di vedere anche altre funzionalità che già ora stiamo usando nelle nostre integrazioni web-app e che ci stanno permettendo di sviluppare con maggior velocità e minor probabilità di errori le nostre chiamate server.

Ci sono tante cose da dire sulle Platform API 2.0, ci ripromettiamo di parlarne in futuro in un articolo dedicato, per ora vi lasciamo con un parere più che positivo!

GIORNO 2: IL SYMFONY DAY

Mentre ai seminari la partecipazione era di poche decine di persone (circa 30 fra tutti e 4 i workshop) alla seconda giornata erano presenti oltre 300 sviluppatori da tutto il mondo! È stato impressionante vedere tutti questi sviluppatori riuniti a Londra per seguire e per conoscere le novità di Symfony 3, ed è stato deludente scoprire che Oimmei è stata l’unica realtà italiana a partecipare!

Dopo una breve presentazione fatta Anne Sophie che ci ha illustrato la giornata, e subito dopo sono iniziati i talk, tutti rigorosamente della durata di 40 minuti.

Poiché molti talk, come già scritto, erano in contemporanea, abbiamo seguito quelli che ci sembravano più adatti al nostro target lavorativo: non sempre abbiamo azzeccato il talk più adatto, ma comunque è stato interessante.

Dopo il benvenuto, Beau Simensen (github) ha messo subito le cose in chiaro: Symfony non è facile da digerire, è potente, ma molto ostico, soprattutto se non si seguono le best practics suggerite dalla Sensio Labs. L’organizzazione del codice è essenziale per la manutenibilità dei progetti. Se si approccia allo sviluppo senza avere le idee chiare, il rischio è di avere un codice confuso. La cosa interessante è che ha demonizzato l’uso dei form di Symfony, cosa che avrebbe fatto sicuramente saltare di gioia Andrea!

Dopodiché abbiamo ritrovato Samuel Roze che ci ha raccontato la sua personale esperienza con i Design Pattern. Un ottimo esempio di come in pochi anni, sia riuscito a padroneggiare prima un linguaggio e poi un framework con il solo studio dei design pattern (e di come abbia sfruttato ciò che ha imparato per realizzare la Platform API 2.0)

Jules Pietri (github) invece avrebbe fatto disperare Andrea, perché al contrario di Beau ha messo il focus del suo intervento sui form, ma soprattutto ne ha esaltato la loro versatilità se usati come servizi di Symfony. È stato sorprendente: non conoscevamo ancora questa possibilità, e così appena rientrati abbiamo iniziato a creare i primi form gestiti da servizi, e c’è da dire che, anche se non è immediato da capire, alla fine il codice da gestire è molto più semplice.

Prima della pausa, ci sono stati un paio di speed talk da 5 minuti, dove abbiamo iniziato a sentire parlare di Docker, e la cosa mi stuzzica.

Dopo pranzo sono continuati gli interventi, e abbiamo scelto di seguire quello di Jakub Zalas (github) sul microkernel di Symfony. Eravamo incuriositi da lui perché il giorno prima durante una pausa l’abbiamo incrociato al buffet, e sentivo che sparava a zero sulle criticità del PHP e su come non siano mai state affrontate seriamente dagli sviluppatori del linguaggio. Ci è bastato per rendercelo subito simpatico, ma purtroppo l’argomento del suo talk non mi ha preso tanto. È stato forse troppo astratto rispetto a quello che mi aspettavo, ad ogni modo abbiamo scoperto che dalla versione 2.8 è stato introdotta la possibilità di usare un kernel ridotto che a discapito di un minor numero di funzionalità possibili, maggior verbosità del codice, migliora le prestazioni e diminuisce l’uso di memoria.

E ora era l’ora di Docker presentato da Andre Rømcke (github) della ezSystem (uno degli sponsor dell’evento). Sinceramente era il talk che aspettavamo maggiormente, ma anche quello che ci ha deluso maggiormente! Conoscevo già Docker, ce lo aveva presentato il nostro amico Arialdo (github), ce l’aveva suggerito per l’installazione dei software su un server, ci eravao già documentati un po’, ma alla fine non abbiamo voluto rischiare di stoppare uno dei nostri server per passare tutto su Docker. Così, quando abbiamo sentito ripetere cose che già sapevamo, è stato deludente. Quando poi nelle slide ha fatto vedere i file di configurazione per usare Docker per far girare un’istanza di Symfony, è stato talmente veloce che non c’è stato nemmeno il tempo di fare una foto per provare a replicare quella configurazione.

Dopo l’ultimo break abbiamo seguito il talk di Nicolas Grekas (github) su come Symfony stia seguendo a pieno le linee guida del PSR-6 per la gestione della cache. Per chi non lo sapesse il PSR sono degli standard raccomandati per PHP (PHP Standards Recommendations) ancora in via di stesura, e che ha come obiettivo la standardizzazione dei concetti di programmazione in PHP ispirandosi all’ormai consolidato JSR (Java Specification Request).

E infine… gran finale con domande a ruota libera al Team di sviluppo del core di Symfony, e fra i 4 sviluppatori abbiamo ritrovato Kévin e Jakub. L’imbarazzo iniziale era palpabile, ma dopo che Samuel Roze ha rotto il ghiaccio chiedendo quando Symfony abbandonerà PHP 5 per passare a PHP 7 le domande hanno iniziato a venire. Così hanno parlato di Roadmap, di come decidono il contenuto di una nuova release, della prima LTS di Symfony 3 e molto altro.

Insomma sono stati due giorni veramente intensi e che hanno permesso di accrescere le conoscenze di questo framework sicuramente ostico, ma decisamente potente!

 

 

 

Oimmei lancia Cibasty

cibasty.it web app

Livorno sbarca un nuovo modo di fare festa, arriva il portale Cibasty! E’ gratis: registrati cliccando qui.

Cosa fa Cibasty? Con Cibasty potrai acquistare un ricco buffet per una festa di compleanno, per una cerimonia,
organizzare una semplice pizzata tra amici o una cena con i compagni del calcetto al miglior prezzo e nei migliori locali, pasticcerie, ristoranti della città. Funziona ed è facilissimo…
1. Ti iscrivi al portale in modo del tutto gratuito
2. Indichi le tue esigenze, ovvero il giorno della festa o della cena ad esempio, quante persone
sono previste, che tipo di menu preferisci, ecc, ecc…
3. In brevissimo tempo riceverai (nella tua area personale del portale Cibasty) le offerte di
tutti gli esercenti interessati alla tua richiesta
4. Senza alcun obbligo potrai decidere se accettare l’offerta più economica o quella che ti
soddisfa di più…. Oppure nessuna!
Iscriviti adesso su www.cibasty.it
Cibasty raccoglie nel suo portale i migliori esercenti della città legati al mondo della ristorazione (pizzerie, ristoranti, pasticcerie, panifici, ecc), ognuno con la propria scheda di dettaglio, specialità e feedback degli utenti. Cibasty è pensato per gli amici che vogliono organizzare una cena, per le famiglie che devono organizzare il compleanno dei loro bambini, per chi vuole festeggiare una ricorrenza, un momento speciale.

Perché usare Cibasty?
• Risparmierai tempo ricevendo con un’unica richiesta più preventivi da molti esercenti, più
di quanti potresti contattare direttamente (niente telefono, auto, ecc). Abbiamo oltre 50
esercenti Livornesi all’interno del portale.
• Risparmierai denaro avendo modo di valutare le singole offerte in base all’importo
economico oppure in base alla qualità dei feedback o delle soluzioni proposte dagli
esercenti
• Le tue esigenze saranno chiare da subito essendo scritte e registrate nel portale (nessuna
possibilità di errore o di incomprensione che si può avere con un accordo vocale)
• Non esiste obbligo d’acquisto
• Il portale è semplicissimo e divertente da usare (lo potrai fare con i tuoi bambini)
• Potrai lasciare o leggere feedback sul singolo esercente per contribuire a migliorare il
servizio

Il servizio nasce a Livorno e si è già diffuso in altre città. Cibasty è il progetto di una innovativa e atipica startup, Seigradi SRL, al cui interno operano imprenditori locali vicini al mondo del web e della progettazione ingegneristica. Mondi solo apparentemente lontani, uniti dall’energia del fare, dalle idee, dalla passione per le
dinamiche che muovono i consumer nel territorio. Cibasty ha radici solide che affondano nella decennale esperienza imprenditoriale del management Seigradi e prende forma grazie al know how creativo e tecnico che caratterizza l’azienda. Seigradi ha ricevuto l’attenzione degli enti territoriali che hanno premiato l’idea Cibasty con
considerevoli finanziamenti, una fiducia che dimostra la volontà di penetrare nel territorio con l’obbiettivo di presidiarlo nel tempo. La mission è l’espansione del servizio su scala nazionale mantenendo la formula della promozione locale per dare maggior slancio all’economia degli esercenti offrendo loro nuove opportunità di
business.

Per ogni ulteriore informazione sei invitato a scriverci a info@cibasty.it.

Internet Day Livorno

oimmei internet day livorno evento

Sono passati esattamente 30 anni da quel 30 Aprile 1986, quando l’italia fece la sua parte nella storia di Internet, un segnale partì dal CNR di Pisa, grazie al giovane ricercatore Stefano Trumpy, ed arrivò in Pennsylvania. In quel momento nessuno si rese davvero conto delle implicazioni che quell’esperimento avrebbe portato, tuttavia è così che tutto iniziò.

Capire da dove siamo partiti è fondamentale e ci offre spunti interessanti per capire i futuri sviluppi. Venerdì 29 Aprile si è svolta a Livorno, la nostra città, l’Internet Day Livorno, un evento per festeggiare la nascita di Internet, per fare il punto sullo stato dell’arte, e per immaginare il futuro. Noi come Oimmei, siamo stati subito entusiasti e felici di avere la possibilità di essere relatori di questo evento.
Ha riferito per noi, Simone Figlié, Lead iOS Developer di Oimmei,  il nostro intervento è stato centrato ovviamente sul Mobile, in particolare sulle App, la cui storia è più recente certo di quella di Internet ma non per questo meno affascinante. Dopo un breve riepilogo della storia dei dispositivi mobili ci siamo concentrati sulla nascita del concetto di “App”, sull’evoluzione di queste  e del modo di essere distribuite, analizzando i trend del momento fino a dare uno sguardo al futuro più prossimo, quello dell’integrazione delle App con tutti gli aspetti della nostra vita, in casa come fuori.
Se volete approfondire qua trovate in allegato la nostra presentazione “C’è un App per tutto! Com’è cambiato Internet con avvento degli smartphone”

 

Oimmei & Museums Live @TechCrunch Disrupt

techcrunch london muzeums
12